venerdì 6 luglio 2007

Più Cidma per tutti...

di MARIO MIDULLA

Egregio direttore,
dopo avere assistito all’ultima assemblea straordinaria dei soci del Centro Internazionale di Documentazione sulle Mafie e del Movimento Antimafia, tenutasi il 5 luglio, che seguiva un consiglio straordinario del comune di Corleone che si era pronunciato il giorno prima sulle modifiche statutarie dello Statuto dello stesso Cidma, deliberando un documento all’unanimità (assolutamente non considerato nella stesura delle stesse “variazioni disinteressate”) ed eleggendo successivamente in assemblea ordinaria il “nuovo” Presidente, mi permetto di attingere a piene mani da un “vecchio” Città Nuove cartaceo che uscì in occasione dell’inaugurazione del centro in questione.
Il 12 dicembre del 2000, Corleone ebbe l’onore di ricevere il presidente della Repubblica Ciampi, il vicesegretario dell’ONU Arlacchi, il ministro dell’Interno Bianco, il presidente della Camera dei Deputati Violante, il Presidente della Commissione Nazionale Antimafia Lumia, il capo del Dap Caselli, il vice capo della Polizia Manganelli, il Comandante dei Carabinieri Siracusa, il Procuratore Capo della Repubblica Grasso, il presidente della Regione Sicilia Leanza, il Presidente dell’ARS Cristaldi, il Presidente della Provincia Musotto, il sindaco di Palermo Orlando, il giudice Ingroia, Don Ciotti, rappresentanti dei sindacati ecc.
Il giorno precedente, a Palazzo Steri, sede del Rettorato dell’Università di Palermo, il prof. Giovanni Conso, presidente della Corte Costituzionale, firmava il protocollo d’intesa e l’approvazione dello Statuto del Centro di Documentazione sulla Mafia e sul movimento Antimafia, subito seguito oltre che dal sindaco di Corleone Cipriani, dal rettore dell’università di Palermo Silvestri e poi Don Ciotti per il “Gruppo Abele”, “Libera” e “ Narcomafie”, il giudice Aldo Rizzo per il centro “Cesare Terranova”, Umberto Santino per il centro “Giuseppe Impastato”, l’on Ino Vizzini per il centro “Pio La Torre”, il prof. Carmelo Spadaro per il centro “Gaetano Costa”, Salvo Lipari per l’Arci Sicilia, il prof. Giovanni Ruffino per la facoltà di Lettere, Lorenzo Baldo per “Antimafia 2000), il prof. Stefano Santangelo per l’Irsae Sicilia, il senatore Cipolla per per il Cepes, il prof. Giuseppe Casarrubea per l’associazione “Non solo Portella”, Francesco Cantafia per la C.G.I.L., Maria Maniscalco per il Consorzio “Sviluppo e Legalità”, Dino Paternostro per l”Associazione “Città Nuove”.
Inoltre, il 12 dicembre del duemila, quattordici Capi di Stato, più di cento ministri e oltre duemila delegati da 180 paesi del mondo, firmavano a Palermo, la Convenzione ONU contro la criminalità transnazionale nell’ambito della lotta al crimine che prevedeva appunto come crimine il reato di appartenenza ad associazione di stampo criminale, di riciclaggio di denaro sporco, corruzione e intralcio alla giustizia.
Non è il caso che mi porta ad elencare il contesto in cui è nato il Cidma, associazione che si trova sotto i riflettori non solo dell’Italia ma di tutto il mondo.
Ed ho pensato a tutte queste associazioni in quanto in un contesto assembleare straordinario ed ordinario, non ne ho visto traccia . Se nel loro DNA associativo avevano sposato la “scommessa” di intraprendere un percorso di antimafia e promozione della conoscenza dei crimini e delle mafie tutte, oggi altre associazioni regolarmente costituite ne hanno preso il posto con “spaventosa tempestività contemporanea”e probabilmente con oggetti sociali un po’ fuori dal contesto Cidma .
Lo scopo statutario di promuovere lo studio del “fenomeno mafioso e dei fenomeni criminali affini” nonché “ della storia del movimento antimafia e delle singole personalità che lo hanno animato specie tra le nuove generazioni” va perseguito senza compromessi, senza spinte esagerate di associazionismo che vadano oltre le finalità primarie di questa nostra associazione.
E’ importante valutare noi tutti la necessità di mantenere l’associazione in un ambito meramente nazionale ed internazionale con il Comune di Corleone sempre garante del cammino intrapreso e che invece scompare in quanto un’assemblea, essendo sovrana, elegge chi vuole, dal Presidente al Consiglio direttivo, lasciando le “briciole decisionali” al sindaco ed al presidente del consiglio comunale..
Stravolgere o modificare con passaggi forzati un cammino di legalità intrapreso da tutti noi cittadini corleonesi agli occhi di chi ci osserva sia dal punto di vista mediatico che sociale, per quei passaggi di stampo provincialistico clientelare che rischiano di tagliarci fuori dal mondo reale, politicamente diviene un atto inaccettabile.
Non è un’accusa che intendo esporre, ma semplicemente la volontà di interrogarci se ogni qual volta un presidente nominato da una assemblea di fedeli sostenitori e amici che lo rappresenta, possa modificare nel pieno della legittimità formale , non tanto l’oggetto sociale, che anzi è stato ampliato a dismisura, ma l’intento primario che pochi anni fa ne ha determinato la nascita.
Probabilmente il “problema” è già sul tavolo degli enti che ne finanziano la sopravvivenza …e non solo, ma se il Cidma deve diventare una semplice associazione privatistica di servizio, oggetto perenne di scontri fra sindaci e presidenti e magari con la presenza locale che si dirada sempre di più, facciamo tesoro delle parole dell’allora Presidente Ciampi nel suo intervento a San Ludovico:
“Sono qui per attestare, assieme all’intero Stato italiano, rappresentato a tutti i suoi livelli, e assieme all’Onu, il progresso che ha fatto questa terra per liberarsi da un male antico. Sono qui a Corleone per attestare come la volontà di un popolo che ha fiducia nei propri valori possa liberarsi da servitù che nei secoli lo avevano umiliato. Sono qui anche per confermare l’impegno dell’Italia tutta, oggi rafforzato anche da questa alleanza con altri Paesi, a continuare con tenacia quello che da anni avete cominciato e di cui avete visto i successi”. Per non dimenticare………….
Mario Midulla
7 luglio 2007
FOTO. L'ingresso del Cidma in via Orfanotrofio

17 commenti:

marco ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Maurizio ha detto...

CAro MArco,
la sua superficialità è sconvolgente. Ma non si preoccuppi, la persona a cui si riferisce ha fatto e farà antimafia con o senza il CDMA.Si figuri, se è un problema di cariche. Chi pensa in questo modo forse è proprio lei...
Le ricordo, inoltre, che si rivolge ad una persona, come L'Avv. Midulla, il cui padre è stato un servitore fedele ed integerrimo dello Stato indossando instancabilmente la divisa della Polizia di Stato.
MAurizio Nicastro!!

Maurizio ha detto...

P.S. dimenticavo, Corleone non cambierà mai fin quando non si avrà il coraggio di firmare per intero i propri commenti. Grazie

marco ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Nicastro ha detto...

Carissimo anonimo "romano",
il suo scrivere si commenta da sè... solitamente dietro l'anonimato si nasconde la mafia o chi convive, serenamente, con essa...
Maurizio: nome
Nicastro: cognome
di Corleone

DINO PATERNOSTRO ha detto...

Vorrei invitare i nostri "commentatori" ad usare toni civili e di reale confronto democratico. Tutte le opinioni hanno pari dignità, a condizione, però, che vengano espresse nel rispetto di quelle altrui, secondo gli insegnamenti di Voltaire.
Abbiamo sempre raccomandato ai nostri lettori di firmare lettere e commenti, perchè a Corleone e in Sicilia abbiamo maledettamente nisogno della cultura della parola e dell'esporsi in prima persona, rispetto al silenzio e all'anonimato della sub-cultura mafiosa. Abbiamo voluto lasciare "libero" l'accesso ai commenti per facilitare lo scambio di opinioni. Se, però, il confronto dovesse scadere ad invettiva, allora introdurremo l'obbligo di registrazione.
IL DIRETTORE
Dino Paternostro

marco ha detto...

ha ragione il dott.Paternostro ...non vale la pena rispondere

marco ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
marco ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
tommaso ha detto...

sono d'accordo con lei caro direttore

tommaso ha detto...

ciao caro direttore

Maurizio ha detto...

Caro direttore le chiedo scusa se i toni dei miei interventi sono stati accesi, nonostante ciò è inqualificabile che individui anonimi possano offendere deliberatamente la dignità di una persona. Grazie e mi scuso nuovamente con lei e con i lettori.
P.S. riguardo agli anonimi lasciamili nella loro onnipotenza delirante di giudizio.

marco ha detto...

non è un articolo che tratto ... Lei è molto esperto ... Lei sà cosa si nasconde dietro e davanti ...io questo non lo so... è facile dire davanti cose che poi sono nascoste dietro ...il problema è sapere cosa si dice dietro... Lei dietro cosa dice???? solitamente dietro un nome e un cognome cosa vi è e cosa non c'è? Tutti quelli che denunciano dietro sono conviventi? andiamo bene!!!! la legge permette anche l'anonimato lo sa questo? non risponda agli anonimi mi faccia il piacere... e non si vesta da Robin Hood non ha il carisma per farlo
Nome Marco
Cognome Roma
dal Mondo (+grande di Corleone)

Maurizio ha detto...

Faccia e scriva quello che porta nel cuore..., non si preoccuppi.
Stia sereno. Cordiali saluti
Maurizio Nicastro

marco ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
marco ha detto...

Non mi preoccuPPo

Maurizio ha detto...

Grazie per avermi segnalato la disattenzione di ortografia, non si preoccuPPPI.
Cordiali saluti